Dalle deposizioni testimoniali è emersa la esclusiva responsabilità nella causazione dello scontro tra veicoli a un incrocio da parte dell’attore che attraversava con luce rossa (Tribunale di Torino, IV Sez, Sentenza n. 4536/2021 del 11/10/2021-RG n. 17186/2019)

Con atto di citazione BR evocava avanti al Tribunale di Torino, il conducente e proprietario della Mercedes e la Compagnia assicuratrice onde vederne accertata la esclusiva responsabilità nella causazione dello scontro tra veicoli a un incrocio.

L’attore allega che il giorno 16.04.18 in Torino alle ore 13,35 circa egli, alla guida del veicolo BMW R 1200, percorreva il Corso 4 Novembre nel viale centrale in direzione esterno città; che, giunto all’intersezione con Corso Sebastopoli, attraversava l’incrocio allorché il mezzo veniva improvvisamente a collisione con la vettura Mercedes, che proveniente dal viale centrale di Corso Giovanni Agnelli, svoltava a sinistra in Corso Sebastopoli senza concedere la precedenza.

Lo scontro causava all’attore frattura biossea gamba destra, frattura soma vertebrale L1 e T1, frattura seconda e terza costa a sinistra, nonché contusione testicolare e contusione e frattura mano destra, che successivamente si sottoponeva ad intervento chirurgico di riduzione incruenta di frattura di tibia e sintesi nonché di riduzione frattura malleolo peroneale destro e sintesi con placca.

Il Tribunale dispone prove testimoniali e CTU Medico-Legale.

Uno dei testi ha dichiarato: ” mi trovavo a piedi, spingendo la mia bicicletta sulle strisce pedonali di Corso Agnelli angolo Corso Sebastopoli. Precisamente stavo attraversando Corso Agnelli verso Corso Sebastopoli usando l’attraversamento più a nord dell’incrocio. Il semaforo era verde per la mia direzione di marcia . Avevo già attraversato la carreggiata laterale est di Corso Agnelli ed ero a metà del viale centrale quando, guardando alla mia destra, ho notato che una moto percorrente la carreggiata centrale di Corso Agnelli verso Corso Unione Sovietica, non faceva cenno di fermarsi al semaforo che era rosso per la sua direzione di marcia . Mi sono quindi fermata sulle strisce pedonali , la moto è sfilata davanti e poco oltre le strisce pedonali è andata a sbattere contro la fiancata destra di un’auto che, arrivando da Corso Agnelli sulla carreggiata laterale est direzione Largo Orbassano, svoltava a sinistra per imbocca re Corso Sebastopoli in direzione di Piazza Santa Rita. Dopo l’urto il motociclista è saltato oltre la moto, cadendo a terra sulla schiena”.

Ergo, dalle deposizioni testimoniali emerge la esclusiva responsabilità nella causazione del sinistro da parte dell’attore.

Non viene attribuito rilievo al la perizia di parte prodotta in atti dalla difesa attorea, in quanto, per consolidato e condivisibile orientamento giurisprudenziale, la stessa costituisce mera allegazione difensiva a contenuto tecnico, prima di autonomo valore probatorio.

Ritenuta, pertanto, la responsabilità esclusiva dell’odierno attore nella causazione del sinistro, il Giudice rigetta la domanda.

Le spese di lite seguono la soccombenza e vengono liquidate in capo all’attore, così come le spese di CTU Medico-legale.

Avv. Emanuela Foligno

Sei stato coinvolto in un incidente stradale? hai subito un danno fisico o perso un congiunto e vuoi ottenere il massimo risarcimento danni? Clicca qui

Leggi anche:

Lesioni causate da omessa custodia della strada e nesso causale

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui