Le considerazioni dello SMI Campania dopo l’ultima riunione sull’accordo integrativo regionale di medicina generale

“Sta vendendo allo scoperto, dopo l’ultima riunione svoltasi presso la regione Campania sull’accordo integrativo regionale di medicina generale, un’ipotesi di cancellazione delle attività di continuità assistenziale (ex guardie mediche) che non accetteremo mai”. Lo ha dichiarato il Segretario dello SMI Campania, Luigi De Lucia.

Il rappresentante regionale del Sindacato Medici Italiani sottolinea come nell’ultima discussione, invece di approfondire le modalità organizzative per valorizzare al meglio le attività dei presidi di Continuità Assistenziale nelle AFT (Aggregazioni Funzionali Territoriali) dando seguito a quanto già affrontato, si sia preferito “parlare di altro” (della diagnostica nei studi dei medici).

Per De Lucia le illazioni riguardanti il reclutamento di personale di CA restano una mera congettura giornalistica priva di qualsiasi riscontro.

“Forse la FIMMG e la parte pubblica – aggiunge – si sono accordati, come si legge dal sito del sindacato, di trasferire i medici di continuità assistenziale per le attività connesse ai codici bianchi degli ospedali e spostare le ore notturne al servizio del 118?”.

“Questo –spiega il segretario regionale dello SMI – significherebbe la perdita del posto di lavoro per molti medici, tante volte giovani colleghi, e allo stesso tempo la non ottemperanza dei Livelli Essenziali d’Assistenza (Lea)”.

Lo SMI, quindi, si dichiara contrario a questo disegno politico che vede d’accordo la Fimmg e la Regione Campania. “Anzi – specifica De Lucia – ci meraviglia che la parte pubblica prenda il suo orientamento dalla Fimmg”.

“La mia parte sindacale – conclude l’esponente del Sindacato Medici Italiani – sarà sempre impegnata affinché non si perda nessuno posto di lavoro dei medici e soprattutto sosterrà tutte le iniziative di sostegno per i giovani professionisti e per chi lavora da molti anni in quest’ambito assistenziale. L’accordo integrativo regionale di medicina generale della Campania, che non è stato ancora firmato, dovrà tenere conto delle attività mediche di Continuità Assistenziale per il suo varo definitivo”.

Leggi anche:

CONSULENZA SPECIALISTICA PEDIATRICA, SMI CAMPANIA: DECRETO VA RITIRATO

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui