Aperto un fascicolo per omicidio colposo. L’uomo soffriva di una patologia congenita cardiaca e si era ricoverato in una clinica per sottoporsi alla sostituzione della valvola mitralica

E’ morto nove giorni dopo essere entrato in sala operatoria in una clinica privata bolognese per la sostituzione della valvola mitralica. Un intervento, da cui il 57enne, operaio ed ex sportivo originario del ravennate, non si è mai ripreso finendo in coma a causa di un edema cerebrale. La notizia è riportata dal Resto del Carlino.

La moglie, intenzionata a fare luce sull’accaduto, aveva già presentato un esposto nelle ore successive all’operazione, con la conseguente apertura da parte della Procura di un fascicolo per lesioni gravissime. In seguito al decesso l’ipotesi di reato si è tramutata in omicidio colposo.  

Il Pubblico ministero ha iscritto nel registro degli indagati i nomi di cinque sanitari che hanno seguito l’iter operatorio del paziente.

Un atto dovuto per consentire loro la nomina di un proprio consulente in vista di un accertamento tecnico irripetibile quale l’autopsia, in programma nelle prossime ore. Nel frattempo i Nas avrebbero già acquisito l’intera documentazione clinica della vittima relativa alla sua degenza nella struttura sanitaria, fino alla tragica scomparsa.

In base a quanto riportato dal Resto del Carlino, l’uomo era affetto da una patologia congenita cardiaca. Gli era stato diagnosticato un ‘malfunzionamento della valvola mitralica’. Nel dicembre del 2005 si era quindi sottoposto a un intervento chirurgico per la sostituzione della stessa.

Negli anni successivi il suo stato di salute sarebbe sempre stato molto buono. Trascorsi 14 anni dal primo impianto, tuttavia, era arrivato il momento di una nuova operazione a causa dell’usura della protesi interna, che doveva essere sostituita. Il 4 novembre, dunque, si era ricoverato e il giorno successivo era finito sotto ai ferri; il 14 novembre è morto, per cause ancora da chiarire. Si attendono ora gli esiti degli accertamenti medico legali.

Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a medicolegale12@gmail.com o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

DIAGNOSI DI TUMORE EPATICO INESISTENTE, INDAGATI DUE MEDICI

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui