La FESPA chiede alla Sisac di non aderire alle richieste di dividere il tavolo per la trattativa sul rinnovo dell’ACN, come richiesto dalle sigle sindacali della dirigenza medica veterinaria e sanitaria

“La consultazione svoltasi in SISAC il 28 u. s. si è chiusa con l’intervento del Segretario del SUMAI, che ha chiesto un tavolo separato per la prosecuzione della trattativa a seguito di un documento, firmato da tutte la sigle sindacali della dirigenza medica veterinaria e sanitaria in ordine a temi di organizzazione e reclutamento del personale ospedaliero e dei dipartimenti di prevenzione, che a suo parere sarebbe un attacco alla Specialistica Ambulatoriale”.
E’ quanto si apprende da un comunicato della FESPA (Federazione Specialistica Ambulatoriale) che, nel ribadire di essere estranea alle determinazioni delle Organizzazioni Sindacali della dirigenza, “stigmatizza che tale richiesta del SUMAI rappresenti un comportamento alquanto anomalo e pretestuoso”, orientato ad escluderla da una paritetica contrattazione”.
“La Federazione Specialistica Ambulatoriale – si legge nella nota – non ha espresso alcuna dichiarazione sui temi contestati e non può essere estromessa dal tavolo principale perché al SUMAI non piace ciò che dice l’intersindacale della dirigenza su temi che esulano dalle materie oggetto di contrattazione con la SISAC. La concessione di una trattativa separata di fatto porterebbe l’esclusione della nostra sigla dal confronto paritetico in SISAC e rappresenterebbe una violazione immotivata dell’agibilità sindacale”.
“FESPA sostiene da sempre i diritti e le aspettative degli Specialisti Ambulatoriali tutti, tant’è che ogni giorno lavora prefiggendosi come principale obiettivo quello di portare al massimo completamento orario quanti più professionisti sia possibile ed anche evitare lo spacchettamento delle ore dei dirigenti e la conseguente attribuzione di turni “ridicoli” che non perseguono certamente l’interesse della P.A., né tantomeno quello del professionista.
“Chiediamo pertanto alla SISAC –conclude la Federazione . di non favorire la divisione del tavolo per questioni che esulano dal contesto del rinnovo dell’Accordo Collettivo e, annunciamo che chiederemo il confronto sulla Questione sia alle Regioni che allo stesso Ministro della Salute”.
 
Leggi anche:
FIMMG: BENE RIPRESA TRATTATIVE SU ACN MA VANNO CHIARITI TEMPI E RISORSE

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui