Danno da lucida agonia patito dalla vittima di sinistro stradale (Cassazione civile. sez. III, 11/05/2022, n.14953)

Danno da lucida agonia non riconosciuto al pedone mortalmente ferito a causa dell’investimento durante l’attraversamento sulle strisce pedonali.

La Corte d’appello di Ancona, pronunciando sugli appelli principale e incidentale proposti, rispettivamente, dagli eredi della vittima e dalla Assicurazione, in parziale riforma della decisione di primo grado, ha condannato l’Assicurazione al risarcimento, in favore degli attori, dei danni dagli stessi subiti a seguito del decesso del proprio congiunto.

A fondamento della decisione, la Corte territoriale ha determinato nella percentuale del 70% la responsabilità dell’automobilista nella causazione del sinistro, attribuendo al pedone il residuo 30% di responsabilità.

Gli eredi della vittima impugnano in Cassazione lamentando, per quanto qui di interesse, la erronea attribuzione di responsabilità nella causazione del sinistro (costituita dall’attraversamento al di fuori delle strisce pedonali), attribuendo a detta circostanza un valore del tutto sproporzionato.

Il motivo è inammissibile.

La Corte d’Appello ha correttamente valutato tutti gli elementi istruttori disponibili. Una volta affermata la corresponsabilità del pedone per aver attraversato al di fuori delle strisce pedonali in orario notturno (così provocando, a causa dell’una e dell’altra circostanza, l’insorgenza di un’obiettiva condizione di grave rischio per l’incolumità della propria persona), la successiva determinazione concreta della percentuale di colpa del pedone nella causazione del fatto deve ritenersi avvenuta nell’esercizio della discrezionalità valutativa del giudice di merito (nella specie, non irragionevole, né abnorme), che, non è sindacabile.

Con il terzo motivo, i ricorrenti censurano la sentenza impugnata per violazione e falsa applicazione degli artt. 2043, 2059 e 2056 c.c., per avere la Corte erroneamente escluso il diritto al risarcimento iure hereditatis del c.d. danno da lucida agonia (danno biologico terminale), derivante dalle lesioni subite dalla vittima, riconoscendo infondatamente l’avvenuto decorso di un brevissimo lasso di tempo tra l’incidente e il decesso, tale da escludere l’effettiva insorgenza del diritto della vittima alla risarcibilità di tale voce di danno.

La censura è inammissibile.

Secondo il consolidato insegnamento della giurisprudenza, in materia di danno non patrimoniale, in caso di morte cagionata da un illecito, il pregiudizio conseguente è costituito dalla perdita della vita, bene giuridico autonomo rispetto alla salute, fruibile solo in natura dal titolare e insuscettibile di essere reintegrato per equivalente, sicché, ove il decesso si verifichi immediatamente o dopo brevissimo tempo dalle lesioni personali, deve escludersi la risarcibilità iure hereditatis  del danno da lucida agonia, in ragione – nel primo caso – dell’assenza del soggetto al quale sia collegabile la perdita del bene e nel cui patrimonio possa essere acquisito il relativo credito risarcitorio, ovvero – nel secondo – della mancanza di utilità di uno spazio di vita brevissimo.

Ciò posto, la Corte territoriale ha valutato in modo ragionevole e congruo  la brevità del lasso temporale di circa cinque ore intercorso tra il sinistro e il decesso della vittima, oltretutto in condizioni per la vittima di incapacità di percezione, pervenendo ad escludere il ricorso dei necessari presupposti di fatto idonei a giustificare l’integrazione di un danno da lucida agonia apprezzabile a carico del danneggiato.

Tale discrezionalità valutativa non è sindacabile in Cassazione, e, ad ogni modo, risulta ormai pacifico l’indirizzo giurisprudenziale sul “ lasso temporale “ utile per potere discorrere di danno da lucida agonia, che esclude categoricamente i periodi di poche ore.

Ciò ribadito,  la Corte d’Appello ha correttamente e logicamente evidenziato gli elementi di carattere critico che hanno sostanziato la valutazione  sulla mancata ricorrenza, nel breve periodo intercorso tra il sinistro e il decesso, di un’effettiva lucida consapevolezza della vittima dell’imminenza della propria morte, sì da escludere che la stessa possa avere effettivamente percepito la dimensione catastrofica del tempo immediatamente successivo all’investimento e quindi subito il cosiddetto danno da lucida agonia, o “catastrofale”, configurato nella giurisprudenza di legittimità.

Anche gli altri motivi di censura vengono dichiarati inammissibili-infondati e il ricorso viene integralmente rigettato con condanna alle spese.

Avv. Emanuela Foligno

Sei stato coinvolto in un incidente stradale? hai subito un danno fisico o perso un congiunto e vuoi ottenere il massimo risarcimento danni? Clicca qui

Leggi anche:

Sinistro stradale mortale e responsabilità dell’ANAS

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui