Aperta un’inchiesta a Lecce sulla morte di un uomo di 73 anni morto otto giorni dopo un intervento urologico per un problema di incontinenza

La Procura di Lecce ha aperto un’inchiesta sulla morte di un pensionato di 73 anni residente in provincia, morto a distanza di otto giorni da un intervento urologico svolto lo scorso 23 settembre in un ospedale del basso Salento. Le indagini sono partite in seguito alla denuncia presentata dai familiari della vittima, che chiedono chiarezza sul repentino peggioramento del quadro clinico del loro congiunto dopo l’operazione.

In base a quanto ricostruito l’uomo era stato ricoverato ed era finito in sala operatoria per problemi di incontinenza. L’intervento sembrava essere ben riuscito e anche l’immediato post operatorio non aveva visto l’insorgere di particolari complicazioni. L’uomo, nei giorni successivi, si era messo in contatto telefonicamente con i parenti – impossibilitati a visitarlo a causa dei protocolli sanitari imposti dall’emergenza sanitaria – rassicurandoli circa le proprie condizioni.

Poi l’improvviso aggravarsi dello stato di salute.

I familiari sarebbero stati contattati dal personale del nosocomio ricevendo notizia dell’evoluzione negativa delle condizioni del 73enne, quindi della necessità del ricovero in terapia intensiva. Il 1° ottobre, poi, una nuova chiamata li avrebbe informati di un ulteriore peggioramento del paziente, tale da rendere necessaria anche una procedura di rianimazione tramite defibrillatore. Poco dopo, un ultima telefonata li avrebbe messi al corrente della morte.

La magistratura ha disposto lo svolgimento dell’autopsia per chiarire le cause del decesso, oltre che per valutare l’eventuale sussistenza di responsabilità sanitarie per quanto accaduto. Il Pubblico ministero ha conferito l’incarico ai propri consulenti per lo svolgimento degli accertamenti peritali, i cui esiti saranno resi noti entro 60 giorni.

Hai vissuto una situazione simile? Scrivi per una consulenza gratuita a malasanita@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

Morte dopo il parto, due medici indagati per duplice tragedia a Roma

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui