L’uomo, rimasto coinvolto in un incidente apparentemente senza gravi conseguenze, è morto dopo le dimissioni dal Pronto soccorso nella sua abitazione

La Procura di Firenze ha aperto un’inchiesta sul decesso di un 58enne morto dopo le dimissioni dal Pronto soccorso dell’ospedale Careggi, dove era giunto poche ore prima in seguito a un incidente stradale.

In base a quanto ricostruisce La Nazione, l’uomo quella mattina era rimasto coinvolto in un tamponamento con un’altra vettura che procedeva nel suo stesso senso di marcia, a seguito del quale sarebbe andato a sbattere contro un palo, dopo aver sfiorato una passante, sbattendo la testa contro il parabrezza, anche a causa della mancata esplosione degli airbag.

Portato in ospedale e sottoposto in ambulanza con un codice di lieve entità e senza perdere mai conoscenza, sarebbe stato sottoposto ai dovuti accertamenti, tra cui radiografia al torace ed eco all’addome. Quindi, nel pomeriggio, sarebbe stato dimesso, con tre giorni di prognosi, senza che nulla potesse far pensare a delle complicazioni.

Rientrato a casa, la sera, sarebbe stato colto da un malore fatale. In seguito all’allarme dato da un parente, sul posto sarebbero intervenuti i soccorritori del 118 ma per l’uomo non ci sarebbe stato più nulla da fare.

I carabinieri accorsi hanno quindi avvisato il Pm di turno che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo, al momento contro ignoti, per fare piena luce sull’accaduto. Il fascicolo

Il magistrato inquirente ha conferito l’incarico a un medico legale per lo svolgimento dell’autopsia. L’esame necroscopico servirà a capire se via sia un eventuale nesso causale tra il decesso e il sinistro, oppure se la tragedia sia riconducibile a pregressi problemi di salute della vittima. O ancora, se si sia trattato di un evento imprevedibile.

Se sei stato/a vittima di un errore medico e vuoi ottenere, in breve tempo, il risarcimento dei danni fisici subiti o dei danni da morte di un familiare, clicca qui

Leggi anche:

Errato inserimento della sonda gastrostomica post rimozione del catetere di Foley

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui