Indagati tre operatori sanitari per il decesso di un uomo di 33 anni, morto per un infarto sulla sua auto in provincia  di Macerata. La Procura chiede l’archiviazione ma la famiglia si oppone ritenendo sussistenti elementi di responsabilità professionale

Sarà il Giudice per indagini preliminari di Macerata a pronunciarsi sul rinvio a giudizio di un medico, un infermiere e una guardia medica, finiti sotto inchiesta per il decesso di un 33enne ritrovato senza vita nella sua auto nel maggio dello scorso anno. Le indagini erano partite in seguito all’esposto presentato dai familiari, convinti che la tragedia si sarebbe potuta evitare. L’uomo, in base agli accertamenti peritali effettuati prima dal medico legale e poi da un cardiologo, è morto per un infarto.

La sera prima, in base alle dichiarazioni del legale dei parenti, riportate da Cronache Maceratesi, si era recato all’ospedale di San Severino, lamentando un dolore ai lati del collo che arrivava fino al petto e al braccio. Ciò nonostante sarebbe stato dimesso – a detta dell’avvocato – senza tutte le necessarie verifiche; in particolare, a situazione avrebbe richiesto l’effettuazione di un elettrocardiogramma che invece non venne svolto.

I consulenti della Procura non hanno ravvisato un nesso di causa tra la condotta dei sanitari e la morte. Da li la richiesta di archiviazione per i tre operatori sanitari coinvolti, indagati per omicidio colposo, alla quale però si è opposta la famiglia, che ha chiesto lo svolgimento di una nuova perizia alla presenza di un consulente tecnico di parte.

Sul fronte civile, inoltre, come riferisce Cronache Maceratesi – è stato chiesto un accertamento tecnico preventivo, con l’obiettivo di ottenere una ctu medico legale per valutare la correttezza dell’operato del personale sanitario.

Hai vissuto una situazione simile? Scrivi per una consulenza gratuita a malasanita@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

Intervento urologico: muore dopo otto giorni, disposta l’autopsia

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui