Indagini in corso a Rimini sul decesso di un ottantacinquenne morto per una presunta infezione ospedaliera; disposta l’autopsia

La Procura di Rimini ha aperto un inchiesta per fare chiarezza sul decesso di un anziano morto per una presunta infezione ospedaliera. Le indagini sono partite in seguito all’esposto presentato dai familiari della vittima; il dubbio dei parenti è che alla base del decesso possa esserci un batterio contratto proprio nella struttura nosocomiale, dove era stato ricoverato per una polmonite sospetta.

L’uomo, ottantacinquenne che viveva in una residenza per anziani, si era ammalato ed era stato trasferito, con tutte le precauzioni legate all’emergenza coronavirus, nel presidio ospedaliero del capoluogo di provincia romagnolo. In base a quanto riferito dai congiunti e riportato dal Corriere Romagna era risultato negativo a un primo tampone  a cui era seguita una falsa positività. Un altro tampone aveva poi escluso definitivamente il contagio da Covid-19. Al migliorare delle sue condizioni era stato dimesso e aveva fatto ritorno presso la struttura che lo ospitava.

A quel punto però, secondo quanto denunciato, le sue condizioni sarebbero peggiorate e i successivi accertamenti avrebbero evidenziato una infezione da Escherichia Coli.

Il quadro clinico dell’uomo sarebbe quindi rapidamente peggiorato, fino al decesso.

I figli, intenzionati a scoprire la verità sulla tragedia, si sono quindi rivolti alla magistratura, ipotizzando che quell’infezione possa essere stata contratta proprio in ospedale. Tra l’altro hanno raccontato che in occasione del ricovero, il padre sarebbe anche caduto dal letto, ma in tal senso l’autopsia – come riferisce sempre il Corriere Romagna  – non avrebbe rilevato traumi.

Per quanto concerne invece l’origine dell’infezione e il suo ruolo nella causazione del decesso bisognerà attendere gli esiti della perizia e, nello specifico, delle analisi tossicologiche. Oltre allo svolgimento dell’esame post mortem, la Procura ha fatto acquisire la tutta la documentazione clinica delle strutture coinvolte.

Hai vissuto una situazione simile? Scrivi per una consulenza gratuita a malasanita@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

Morte dopo il parto, due medici indagati per duplice tragedia a Roma

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui