Dal 15 aprile gli iscritti da almeno due anni possono richiedere i mutui Enpam per l’acquisto, la manutenzione o la sostituzione di un mutuo già esistente su prima casa o studio professionale

Dal 15 aprile è attivo il nuovo bando per richiedere i mutui Enpam. La procedura estende a quasi tutto il 2019 il periodo in cui si potrà presentare la propria domanda di finanziamento. Il termine per presentare la documentazione, infatti, è fissato per il 29 novembre. L’esclusione del mese di dicembre permetterà agli uffici di gestire entro l’anno le ultime pratiche arrivate.
L’obiettivo – si legge sul sito dell’Ente – è quello di avvicinarsi alle necessità di medici e odontoiatri interessati all’acquisto di un’abitazione o di un ambulatorio. Nello specifico è previsto uno stanziamento di 30 milioni di euro per l’acquisto, la manutenzione o la sostituzione di un mutuo già esistente sulla prima casa. Ulteriori 10 milioni di euro, invece, sono destinati alle stesse possibilità sullo studio professionale.

La domanda può essere presentata da tutti gli iscritti alla cassa previdenziale da almeno due anni, in regola con il pagamento dei contributi.

Per chi ha più di 45 anni verrà applicato un tasso del 2,9 per cento, mentre per i richiedenti al di sotto di questa soglia di età il tasso sarà del 2,5 per cento.
I vantaggi per i più giovani tuttavia riguardano soprattutto le facilitazioni nell’accesso al finanziamento. Per ottenere il mutuo, ai camici bianchi con meno di 35 anni, titolari di partita IVA e che aderiscono al regime fiscale agevolato basterà avere ottenuto un reddito annuo medio per gli ultimi tre anni superiore a 20mila euro.
Inoltre, per la verifica del reddito, i richiedenti sotto i 35 anni potranno scegliere la modalità a loro più conveniente tra tre possibilità: il reddito dell’intero nucleo famigliare dichiarato ai fini Irpef nei due o tre anni precedenti al 2019, o il reddito personale dello scorso anno.
Nel caso degli iscritti con età inferiore a 45 anni e per i medici specializzandi ed i corsisti in medicina generale di qualsiasi età la soglia di reddito si alza a 24mila euro.

Nei fatti, il servizio dei mutui Enpam si trasforma in una modalità “a sportello” che migliora la fruibilità da parte degli iscritti.

Tutte le richieste potranno essere presentate online dal sito www.enpam.it. Gli uffici valuteranno la completezza della documentazione e comunicheranno l’esito agli interessati entro 60 giorni dal ricevimento della domanda completa.
In particolare dovranno essere inviati, oltre alla dichiarazione dei redditi, lo stato di famiglia, i dati anagrafici del richiedente e le informazioni relative all’immobile. Necessaria anche una dichiarazione, disponibile sul sito della Fondazione, che comprende la conoscenza del regolamento del bando.
Una volta concluso l’iter, gli atti notarili per la concessione del mutuo saranno rogitati a Roma presso la sede della Fondazione, in piazza Vittorio Emanuele II. In casi straordinari, la cui motivazione deve essere attestata dall’Ordine di appartenenza, l’Enpam potrà accordare una sede diversa per la stipula.
Gli iscritti potranno chiedere un finanziamento fino all’80 per cento del valore dell’immobile da acquistare o del costo dell’ampliamento. Il dato dovrà essere accertato tramite perizia di un professionista abilitato, e non potrà superare un massimo di 300mila euro.
Nel caso il mutuo venga richiesto per manutenzione o ristrutturazione, la soglia massima è di 150mila euro. La durata massima del finanziamento è fissata in 30 anni, a condizione che la somma delle annualità previste per le rate e l’età anagrafica del richiedente non superi quota 80.
La Fondazione ha previsto  anche la possibilità di un periodo di sospensione dell’ammortamento del mutuo. Ad esempio qualora sopraggiunga un periodo di malattia che riduce la capacità economica del professionista. In questi casi, che verranno valutati su richiesta del richiedente, la durata del mutuo verrà prolungata per un periodo pari alla sospensione accordata. In ogni caso resta la facoltà di rimborsare il mutuo, interamente o in parte, in qualsiasi momento, e di estinguerlo mediante surroga.
 
Leggi anche:
BONUS BEBÈ ENPAM, 1500 EURO PER LE SPESE DI NIDO E BABYSITTER

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui