Disposto il sequestro di 36 offerte di vendita, presenti sui portali di e-commerce Amazon e E-bay, per speculazione sui prezzi di prodotti connessi alla prevenzione dell’epidemia di Coronavirus

Ancora episodi di speculazione sui prezzi di mascherine, gel disinfettanti e altri prodotti connessi alla prevenzione dell’epidemia di Coronavirus, venduti a prezzi esorbitanti rispetto ai costi di produzione e di distribuzione nonché a quelli praticati in situazioni non emergenziali.

Gli uomini del Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza, unità delle Fiamme Gialle specializzata nelle investigazioni tecnologiche, all’esito di una specifica attività di monitoraggio della Rete in relazione all’attuale emergenza dovuta alla diffusione di Covid-19 in Italia, iniziata già a metà del mese di febbraio scorso, ha sottoposto a sequestro, disposto dal G.I.P. su richiesta della Procura della Repubblica di Milano, 36 offerte di vendita, presenti sui portali di e-commerce Amazon e E-bay.

In particolare, sono state ricercate offerte di vendita aventi specifico riferimento al coronavirus, rivolte ad utenti nel territorio nazionale, mediante la presenza di pagine redatte in lingua italiana e l’indicazione di spedizioni dirette anche verso l’Italia.

La comparazione del prezzo di vendita applicato a gennaio – febbraio prima dell’esplosione della emergenza in Italia e quello attualmente praticato, effettuata utilizzando applicativi software di tracciamento dei prezzi (price tracer), ha consentito di far emergere situazioni di notevole anomalia, con aumenti di prezzo che oscillavano tra il 150% fino al 1000% ed oltre.

Ad esempio, in un singolo caso, le mascherine di tipo chirurgico, le più semplici e con limitata azione protettiva da eventuali contagi, che hanno normalmente un costo di pochi centesimi, erano vendute in confezioni da 50 pezzi al costo di circa 80 euro, con un rincaro che raggiungeva la cifra massima del 4000%.

Anche le soluzioni gel igienizzanti, approfittando della necessità di assicurare una frequente disinfezione delle mani anche in mancanza di acqua, venivano vendute con rincari non giustificati tra il 300% e il 600%. Le indagini hanno determinato il deferimento all’Autorità Giudiziaria di 16 venditori italiani (con annunci pubblicati in Veneto, Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Puglia e Sicilia) , 28 stranieri (Germania, Regno Unito, Francia e Cina) e 4 in via di identificazione. A tutti è stata contestata la violazione dell’art. 501 bis del Codice Penale che punisce manovre speculative su prodotti di prima necessità, con sanzioni da sei mesi a tre anni di reclusione e con la multa da € 516,00 a € 25.822,00.

Leggi anche:

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI, ANESTESISTI SCRIVONO A MATTARELLA

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui