Per accedere agli studi odontoiatrici sarà necessario effettuare una chiamata telefonica preventiva al fine di prendere un appuntamento e rispondere all’iniziale “triage a distanza” che consentirà al dentista di valutare i corretti presupposti per la visita

“Concentrazione, competenza e sicurezza” sono le parole chiave nelle quali Carlo Ghirlanda, Presidente Nazionale ANDI – Associazione Nazionale Dentisti Italiani – ha sintetizzato i passi che caratterizzeranno il lavoro nei circa 45.000 studi odontoiatrici alle prese con il graduale processo di normalizzazione dopo l’avvio della cosiddetta Fase 2 dell’emergenza Coronavirus.

Le indicazioni alle quali i professionisti potranno fare riferimento garantiranno le consuete sicurezze per la salute della bocca del paziente, che potrà finalmente riavviare le terapie odontoiatriche sospese per il periodo durante il quale gli studi dentistici hanno fatto fronte esclusivamente alle urgenze indifferibili.

Per accedere allo studio del proprio dentista si useranno nuove modalità, alle quali sarà necessario attenersi per la sicurezza propria e comune. Sarà dunque necessario effettuare una chiamata telefonica preventiva al fine di prendere un appuntamento e rispondere all’iniziale “triage a distanza” che consentirà al Dentista di valutare i corretti presupposti per la visita.

I pazienti accederanno, laddove possibile, singolarmente oppure con un solo accompagnatore, al quale comunque saranno estese le stesse preliminari modalità di ingresso riservate ai pazienti. 

Ai pazienti sarà richiesto di lavarsi le mani e applicare gel a base di prodotti alcoolici. All’interno dello studio il Dentista e il suo team hanno utilizzeranno gli idonei dispositivi di protezione, procedendo con tutte le manovre necessarie a proteggere pazienti e operatori.

Le sale d’attesa degli studi dentistici perdono la configurazione abituale: i pazienti dovranno indossare mascherine chirurgiche, le poltrone di attesa saranno distanti fra loro per almeno un metro. Non si troveranno giornali e riviste né i giocattoli per intrattenere i più piccoli.  

Le sale operative saranno predisposte secondo apposite procedure e tutti gli strumenti saranno protetti con tutti gli usuali dispostivi di protezione monouso; fra i vari appuntamenti  si procederà con la sanificazione delle superfici, l’aerazione del locale, la sostituzione delle pellicole di protezione monouso e la sterilizzazione degli strumenti utilizzati. Si tratta comunque – sottolinea l’ANDI – di pratiche che i Dentisti italiani conoscono bene, perché applicate anche da prima dell’epoca del COVID-19.

“Andare dal Dentista oggi in fase 2 è quindi certamente sicuro: è necessario comunque ribadire che da parte dei pazienti siano osservate scrupolosamente le indicazioni che verranno loro fornite. Ricordiamo – conclude Ghirlanda – che l’Odontoiatria italiana è un’eccellenza riconosciuta a livello internazionale: è importante ribadirlo a maggior ragione oggi, in questa fase transitoria verso una futura normalizzazione”.

Leggi anche:

ODONTOIATRI AL LAVORO PER RIAPRIRE STUDI IN PIENA SICUREZZA

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui