I camici bianchi sono finiti a processo per il decesso di una paziente oncologica, morta – secondo l’accusa – per una tardiva diagnosi di endocardite batterica

Sono accusati di omicidio colposo in relazione al decesso di una 61enne malata di tumore. E’ iniziato a Bologna il processo a carico di cinque medici in servizio all’ospedale Sant’Orsola. Secondo il Pm, sarebbero responsabili di una tardiva diagnosi di endocardite batterica, patologia che poi avrebbe provocato la morte della paziente.

Il fatto risale al marzo del 2016. In base a quanto ricostruito dal Resto del Carlino la donna si era presentata nel nosocomio felsineo con febbre alta. Poco più di un anno prima aveva scoperto di essere affetta da un cancro che però non sarebbe stato in fase avanzata, tanto che le erano stati prospettati oltre 10 anni di vita grazie al trattamento chemioterapico.

In ospedale, tuttavia, i camici bianchi non avrebbero capito che l’elevata temperatura corporea della signora, persistente da alcuni giorni con picchi di 39 gradi, era correlata alla neoplasia.

Pertanto l’avrebbero curata in day hospital con antibiotici generici, “rifiutando il ricovero ordinario”. Inoltre, non avrebbero disposto, se non tardivamente, gli esami di laboratorio che avrebbero consentito di individuare la natura del problema, né avrebbero richiesto una consulenza specialistica infettivologa. “Omissioni e gravi negligenze”, queste ultime, che per la pubblica accusa sarebbero risultate decisive per le sorti della 61enne, il cui quadro clinico nei giorni successivi si era aggravato, sino al sopraggiungere del decesso.

La denuncia dei familiari della vittima aveva dato il via all’inchiesta della Procura sfociata – dopo una prima richiesta di archiviazione rigettata e la disposizione di nuove indagini da parte del Gip –  nel rinvio a giudizio degli operatori sanitari indagati. Nei giorni scorsi si è aperta quindi la fase dibattimentale che proseguirà a febbraio 2021 con l’audizione dei consulenti di parte.

Hai vissuto una situazione simile? Scrivi per una consulenza gratuita a malasanita@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

Malore improvviso: muore 21enne, due giorni prima era stata in ospedale

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui