Trauma distorsivo alla caviglia per caduta sulla strada (Cassazione Civile, sez. III, 08/02/2022, ud. 06/10/2021, dep. 08/02/2022, n.4019).

Trauma distorsivo alla caviglia provocato da una buca sull’asfalto inducono il danneggiato a citare in giudizio, dinanzi al Giudice di Pace di Avellino, il Comune di Avellino chiedendone la condanna al risarcimento di tutti i danni subiti, allorché, scendendo dal marciapiede era finito in una buca sull’asfalto non segnalata, piena di acqua, riportando un trauma distorsivo alla caviglia del piede sinistro.

Trauma distorsivo alla caviglia. Il Comune convenuto a giudizio chiama in causa la società esecutrice dei lavori di riassetto del tratto stradale luogo del sinistro.

Il Giudice di Pace di Avellino, accoglieva parzialmente la domanda dell’attore, imputandogli un concorso di colpa nella misura del 50% nella causazione del sinistro, e condannava in ragione del residuo 50% i convenuti al pagamento di Euro 948,08, a titolo di danno non patrimoniale per il trauma distorsivo alla caviglia, oltre alla metà delle spese di lite e agli importi anticipati al C.T.U.

La decisione viene impugnata dal danneggiato e il Tribunale di Avellino, in funzione di Giudice d’appello, rigettava l’appello principale del danneggiato e accoglieva quello incidentale di Unipol e, in riforma della sentenza impugnata, rigettava integralmente la domanda risarcitoria.

La vicenda approda in Cassazione.

Il danneggiato deduce errata applicazione delle norme di cui all’art. 2051 c.c. e, in particolare, lamenta errata la decisione della Corte laddove riteneva integrato il caso fortuito e attribuiva l’esclusiva responsabilità dell’evento, che causava trauma distorsivo alla caviglia, allo stesso danneggiato.

La Suprema Corte evidenzia che il ricorrente non ha provveduto spontaneamente alla rinotifica del ricorso, e che ai sensi dell’art. 291 c.p.c. deve essere effettuata la rinnovazione della notifica nei confronti della intimata.

In conclusione, la Corte ordina la rinnovazione della notifica del ricorso nei confronti dell’intimata società, entro il termine perentorio di giorni 60 dalla comunicazione della Ordinanza e rinvia la causa a nuovo ruolo con trattazione in pubblica udienza.

Avv. Emanuela Foligno

Manto stradale sconnesso e caduta del pedone

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui