Aumentano i cittadini del Lazio che decidono di sottoporsi al vaccino antinfluenzale per i mesi invernali

56 mila persone in più rispetto alla campagna 2015/2016 hanno optato per la  vaccinazione contro l’influenza. La sala stampa della Regione Lazio in una nota fa sapere che “i dati a consuntivo della stagione antinfluenzale 2016/2017 registrano la distribuzione ad altrettanti cittadini di 886 mila e 105 dosi di vaccino”. Si evidenzia inoltre che l’aumento è stato omogeneo in tutte le Aziende sanitarie registrando un aumento di 4.000 vaccinati in più nelle Asl 3 (Ostia) e Latina.
Sul fronte delle vaccinazioni obbligatorie la Regione Lazio ha stipulato un intesa fra le Asl e l’Ufficio scolastico che prevede un rapporto diretto fra scuole e Asl perché venga verificata l’effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie per gli individui da 0 a 16 anni. in questo modo vengono evitati disagi per le famiglie.
In merito al vaccino antinfluenzale è in arrivo una novità. Da pochi giorni ha superato il test un vaccino in formato cerotto che andrà a sostituire la vecchia iniezione. Contiene cento microaghi che dopo aver rilasciato il farmaco si dissolvono nell’arco di 20 minuti.
Una ricerca americana che arriva dalla Emory University e pubblicata sulla rivista Lancet. Una nuova tecnologia che può essere stoccata a temperatura ambiente diversamente dal predecessore ago della siringa.
I ricercatori hanno arruolato cento volontari fra i 18 e i 49 anni per confrontare il cerotto con la puntura tradizionale. Dopo 180 giorni la valutazione della risposta immunitaria ed eventuali effetti collaterali.
Problemi minimi e qualche rossore scomparso in breve tempo nel gruppo a cui è stato applicato il cerotto e una risposta immunitaria pari a quella di chi ha ricevuto l’iniezione. Il 70% di coloro che hanno sperimentato il cerotto dice di preferirlo alla siringa classica.
“Il cerotto è facile da somministrare anche da parte degli stessi pazienti, serviranno però ulteriori test su un numero maggiore di pazienti prima di una applicazione su larga scala”, hanno affermato i ricercatori.
 
LEGGI ANCHE
NEUROTAPING, E’ UNA MODA O FUNZIONA DAVVERO?
PRESENTATI I RISULTATI DEL PIU’ GRANDE STUDIO SUI FARMACI PER LA DISASSUEFAZIONE DAL FUMO

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui