Secondo i consulenti della Procura non sarebbero ravvisabili profili di responsabilità colposa in relazione al caso della bimba nata morta al Policlinico Sant’Orsola lo scorso aprile. Sulla vicenda era stato aperto un fascicolo contro ignoti per interruzione colposa di gravidanza

Il distacco improvviso della placenta era un evento non prevedibile al momento delle dimissioni, quindi non poteva essere prevenuto. Queste, in sistesi, le conclusioni dei periti incaricati dalla Procura di Bologna di accertare eventuali responsabilità sanitarie in relazione alla vicenda della bimba nata morta lo scorso aprile al Policlinico Sant’Orsola.

La mamma, una 38enne alla 34esima settimana di gravidanza, era stata ricoverata in ospedale per una serie di accertamenti in quanto aveva la pressione molto alta. Dopo sei giorni era stata dimessa; sembrava, infatti, che i valori fossero rientrati nella norma.

La sera stessa, tuttavia, aveva cominciato ad accusare dolori fortissimi al basso ventre tanto da richiedere l’intervento del 118. Trasportata d’urgenza al Policlinico era stata ricoverata presso il reparto di Ginecologia.

Dopo i dovuti accertamenti, i medici avevano comunicato al marito che per la nascitura non c’era nulla da fare.

La donna era quindi stata sottoposta a un intervento per l’estrazione del feto, subendo una forte emorragia per il distacco della placenta e rischiando, secondo l’ipotesi accusatoria, anche una compromissione dell’utero.

In seguito alla denuncia presentata dal compagno della gestante, la magistratura aveva aperto un fascicolo contro ignoti per interruzione colposa di gravidanza. Ora, in seguito alla presentazione della relazione dei consulenti tecnici, il Pm chiederà probabilmente l’archiviazione del caso. Secondo gli esperti, infatti, non sarebbero ravvisabili profili di responsabilità colposa in capo ai sanitari.

Il legale della famiglia, da parte sua, fa sapere di voler sottoporre le conclusioni della Ctu al proprio consulente di parte, per poi fare le dovute valutazioni.

Leggi anche:

INTERRUZIONE COLPOSA DI GRAVIDANZA, APERTA UN’INCHIESTA A BOLOGNA

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui