La richiesta di risarcimento non è il nucleo centrale dell’evento dannoso che risiede, invece, nell’atto illecito compiuto dal danneggiato

Segue dalla seconda parte

La richiesta di risarcimento da parte del danneggiato non costituisce il nucleo centrale del sinistro (evento dannoso) che, invece, è l’atto illecito compiuto dal danneggiante.

Richiesta di risarcimento del danneggiato è solo una fase del sinistro il cui nucleo centrale è l’accadimento del fatto ad opera del danneggiante.

Ciò è del tutto coerente, come abbiamo visto, con la assicurabilità dei fatti pregressi.

Il focus deve quindi essere concentrato sul momento in cui si compie il fatto illecito da parte dell’assicurato.

C’è una sensibile differenza tra le ipotesi ove il sinistro e la manifestazione del danno sono contestuali e ipotesi, invece, ove non sussiste soluzione di continuità tra i due eventi.

L’art. 1917 c.c. è modellato sulla prima ipotesi perché disciplina un modello di assicurazione della responsabilità civile dove il rischio è individuato sul presupposto che il sinistro sia contestuale al danno.

Come noto le norme governanti la materia prevedendo che l’Assicuratore sia obbligato a tenere indenne l’assicurato di quanto questi, in conseguenza del fatto accaduto durante il tempo di assicurazione debba pagare a un terzo, considerano come danno incerto, l’insorgenza dell’obbligo risarcitorio – contestuale al compimento dell’illecito – nella sua sfera giuridica.

Pertanto, il rischio assicurabile non prevede una scissione tra sinistro e danno ed è, come già detto, individuato dal solo sinistro, qualora le parti ponessero in copertura un fatto pregresso, ossia un atto illecito già perfezionatosi prima della stipulazione del contratto, questo sarebbe da considerare nullo per mancanza di rischio (art. 1895 c.c.).

Le clausole claims made sono state introdotte proprio per fronte a questo limite del modello tradizionale da cui si discostano sotto il profilo del rischio assicurabile.

Proprio a causa della distanza temporale esistente tra sinistro e danno, viene considerato  un danno incerto diverso da quello previsto nel modello di cui all’art. 1917 c.c., e consistente nella diminuzione patrimoniale che si determina successivamente dalla richiesta del terzo.

Vi sono diverse fasi del sinistro che corrispondono a un diverso rischio assicurativo dal momento che l’insorgenza, la determinazione dell’ammontare l’escussione e, infine, l’adempimento di un’obbligazione pecuniaria, sono tutte fasi distinte che incidono sul patrimonio del debitore in misura quantitativamente differente.

Tenendo conto di questi diversi rischi assicurati, a seconda della fase, è possibile che nell’assicurazione della responsabilità civile le parti possano scegliere quale tra i possibili danni relativi all’obbligo dell’assicurato coprire e che, con l’apposizione della clausola claims made, operino la scelta di considerare un danno diverso dall’insorgenza dell’obbligo risarcitorio in capo all’assicurato.

Assodato quindi che il sinistro provoca diverse tipologie di danni.

Si prenda ad esempio  l’assicurazione del credito, nel cui ambito il sinistro, al verificarsi del quale è collegata la nascita dell’obbligo di avviso è costituito dal mancato pagamento del debito alla scadenza da parte del debitore dell’assicurato.

Tale sinistro è idoneo a provocare all’assicurato diminuzioni patrimoniali differenti  che possono consistere nella perdita definitiva del credito o nella mancata disponibilità della.

Le parti, quindi, hanno la capacità di stabilire quali danni siano da ricondurre alla copertura assicurativa scegliendo, così, la tipologia di rischi assicurabili.

Avv. Emanuela Foligno

Clicca qui per leggere la prima parte

Clicca qui per leggere la seconda parte

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui