A giudizio la pediatra di una bimba di 4 anni morta per una otite non curata nel 2018, accusata di omicidio colposo per non aver adottato le terapie e le prescrizioni che il caso avrebbe imposto

Si è aperta a Brescia l’udienza preliminare a carico di una pediatra, attualmente in pensione, accusata di omicidio colposo in relazione al decesso di una bimba di 4 anni, morta per una otite non curata tempestivamente.

Il fatto risale al 2018. Come ricostruisce il Giorno, l’infiammazione aveva provocato alla piccola un ascesso cerebrale. Neppure un intervento era servito a salvarla.

La tragedia aveva portato all’apertura di un’inchiesta che aveva visto l’iscrizione nel registro degli indagati di 15 operatori sanitari, tutti coloro che avevano avuto in cura la paziente nei suopi ultimi giorni di vita.

La consulenza tecnica disposta dalla Procura aveva messo poi in rilievo le responsabilità del medico curante che, secondo l’ipotesi accusatoria, avrebbe omesso “di adottare le terapie e le prescrizioni che il caso avrebbe imposto secondo le buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica non impedendo così l’aggravamento del processo patologico che ha condotto al decesso della paziente”.

In particolare – sottolineano i periti nella loro relazione – “a fronte della persistente sintomatologia algica, per 10 giorni, la dottoressa avrebbe dovuto impostare una antibioticoterapia e richiedere una visita otorinolaringoiatrica”.

E ancora, “l’eventuale somministrazione per via orale di un comune antibatterico avrebbe implicato un repentino abbattimento della carica batterica e una ripresa clinica”.

La condotta del camice bianco, invece, avrebbe determinato “uno sproporzionato ritardo diagnostico e terapeutico, il quale ha abbattuto pesantemente le probabilità di sopravvivenza della bambina”.

L’udienza – riferisce ancora il Giorno – è stata rinviata al 23 giugno per permettere alla pediatra di trovare un possibile accordo per il risarcimento. Il processo vede come parti offese, oltre ai genitori, anche le due nonne e il nonno.

Se sei stato/a vittima di un errore medico e vuoi ottenere, in breve tempo, il risarcimento dei danni fisici subiti o dei danni da morte di un familiare, clicca qui

Leggi anche:

Morto dopo due ricoveri a Frosinone, due medici a giudizio

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui