Omicidio stradale è previsto dall’art. 589-bis c.p. come reato e punisce chiunque cagioni per colpa la morte di una persona, in violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale, con la reclusione da 2 a 7 anni.

Omicidio stradale è un reato introdotto nel 2016 dalla Legge n. 41/2016 con lo scopo di punire chi, non rispettando le norme sulla circolazione stradale, cagioni la morte altrui.

L’introduzione nel codice penale di questa norma ha comportato l’abrogazione dell’ipotesi delittuosa dell’omicidio colposo commesso in conseguenza della violazione delle norme sulla circolazione stradale e contenuto nell’art. 589 c.p.

La fattispecie di omicidio stradale rientra nell’alveo dell’omicidio colposo che si verifica ogni qualvolta venga posta in essere una delle condotte previste dall’art. 589 bis c.p.. Sono previste tre diverse ipotesi delittuose, tutte riconducibili all’omicidio stradale, ma di diversa intensità, alle quali corrispondono tre differenti trattamenti sanzionatori.

Le tre ipotesi sanzionatorie:

1) La norma punisce chiunque cagiona, per colpa, la morte di una persona a seguito della violazione delle norme che disciplinano la circolazione stradale. La pena, in questo caso, è quella della reclusione da 2 a 7 anni.

2) Diverso è il caso in cui la morte di una persona sia causata per colpa da chiunque si ponga alla guida di un veicolo a motore in stato di ebbrezza alcolica quantificato con un tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l o in stato di alterazione psico-fisica derivante dall’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope. In questo caso, la pena è quella della reclusione da 8 a 12 anni.

3) L’ultima ipotesi si verifica nel caso in cui la morte di una persona sia cagionata per colpa dal conducente di un veicolo a motore che si trovi in stato di ebbrezza alcolica quantificato con un tasso alcolemico compreso tra 0,8 e 1,5 g/l. La pena è quella della reclusione da 5 a 10 anni.

Tale ultima pena è applicata anche in altre ipotesi:

a) quando la morte è causata dal conducente di un veicolo a motore che circoli nel centro urbano a una velocità almeno pari al doppio di quella consentita e comunque non inferiore a 70 km/h o che circoli su strade extraurbane a una velocità superiore di almeno 50 km/h rispetto a quella massima consentita.

b) quando la morte è causata dal conducente di un veicolo a motore che attraversi un’intersezione con il semaforo rosso o circoli contromano.

c) quando la morte è causata dal conducente di un veicolo a motore che inverta il senso di marcia in prossimità o in corrispondenza di intersezioni, curve o dossi o che sorpassi un altro mezzo in corrispondenza di un attraversamento pedonale o di una linea continua.

Elementi costitutivi del reato

L’omicidio stradale è un reato comune, ed è un reato di danno perché per essere integrato richiede la lesione del bene giuridico vita della vittima. E’ un reato colposo che richiede l’integrazione della colpa specifica consistente nella violazione di leggi, regolamenti, ordini e discipline che riguardano la circolazione stradale.

La sanzione più grave, quella della reclusione da 8 a 12 anni, si applica anche in capo al conducente del mezzo pesante sia stato riscontrato uno stato di ebbrezza lieve (ovverosia un tasso alcolemico compreso tra 0,8 e 1,5 g/l), qualora egli eserciti professionalmente un’attività di trasporto di persone o cose.

La norma che disciplina l’omicidio stradale prevede anche una circostanza aggravante a efficacia comune, il cui verificarsi comporta un aumento delle pene previste per le tre ipotesi indicate.

L’aggravante viene applicata quando l’omicidio stradale sia derivato dalla condotta di una persona sprovvista di patente di guida o la cui patente sia stata sospesa o revocata.

Viceversa, la pena viene diminuita quando viene accertato il concorso di colpa della vittima.  L’articolo 589-bis c.p., prevede una circostanza attenuante a efficacia speciale stabilendo che la pena è diminuita fino alla metà nel caso in cui l’evento morte non derivi esclusivamente dall’azione o dall’omissione del colpevole.

Avv. Emanuela Foligno

Sei stato coinvolto in un incidente stradale? hai subito un danno fisico o perso un congiunto e vuoi ottenere il massimo risarcimento danni? Clicca qui

Leggi anche:

Connessione tra sanzione amministrativa e omicidio stradale

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui