L’appuntamento, dedicato in particolare ai temi della prossimità e dell’organizzazione delle cure, ha introdotto, tra le altre novità, una presenza fissa di giovani medici under 40 nelle posizioni di vertice all’interno dell’esecutivo nazionale

Si è chiuso a Villasimius il Congresso Nazionale FIMMG-Metis. L’appuntamento quest’anno ha guardato in modo particolare ai temi della prossimità e dell’organizzazione delle cure, delineando il quadro della “Medicina Generale di domani tra demografia e cronicità”.

Il Congresso Nazionale è stato un’occasione di dibattito e confronto, grazie al quale è stato possibile sottolineare le criticità, ma anche far nascere nuove proposte. E mai come quest’anno – si legge in una nota della Federazione – la FIMMG ha scelto di plasmare il dibattito nell’ottica di un cambiamento concreto.

E’ stato infatti modificato lo Statuto della Federazione dei Medici di Medicina Generale, riservando una presenza fissa ai giovani medici under 40, che assumeranno così in maniera stabile posizioni di vertice all’interno dell’esecutivo nazionale, ma anche degli esecutivi regionali e provinciali.

Tra i principali sostenitori di questo cambiamento c’è il Segretario Generale Silvestro Scotti, che ha definito questa ulteriore scelta in favore dei giovani medici ‘un risultato storico’. “Diamo avvio – ha aggiunto Scotti – a una nuova stagione che valorizzerà ancor più la Medicina Generale, mettendo al centro la salute dei cittadini e le capacità innovative dei giovani medici”.

Nella scelta di favorire l’accesso a ruoli di vertice del sindacato ai giovani medici c’è anche una ferma volontà di dare sempre più spazio alle donne, che oggi costituiscono oltre il 60% delle nuove leve.

“Siamo fieri dell’esperienza che noi colleghi più ‘anziani’ diamo ogni giorno alla Medicina di Famiglia – sottolinea il Segretario Generale – ma siamo anche ben consapevoli dell’apporto che può arrivare dal ricambio generazionale e di genere. Nel nostro Paese c’è l’abitudine a contrapporre giovani e meno giovani, generazioni vecchie e nuove. Tutto è visto nell’ottica dello scontro; noi ragioniamo in maniera differente. Credo fermamente che ciascun medico abbia molto da dare e la Medicina di Famiglia ha il compito di rispondere a sfide troppo importanti per lasciarsi impantanare dallo scontro generazionale”.

“Oggi – conclude Scotti – abbiamo piantato i semi per un sindacato sempre più solido e unito, un sindacato capace di far sentire la propria voce e di battersi con successo in difesa dei propri iscritti e conseguentemente dei propri assistiti e del Sistema Sanitario Nazionale. Le due cose vanno a braccetto, non può esserci un diritto alla Salute se non c’è una Medicina di Famiglia moderna, giovane nelle idee e negli uomini, dotata di opportuni strumenti e di risorse umane”.

Leggi anche:

MICROTEAM PER SUPPORTARE IL MEDICO DI FAMIGLIA, LA PROPOSTA FIMMG

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui