La Federazione dei medici: nell’iter parlamentare di conversione in legge del DL cura Italia no a generalizzato colpo di spugna su responsabilità degli amministratori nel periodo di gestione emergenziale

Fornire un parere formale, anche in via telematica, sulla formulazione dell’emendamento al Decreto-Legge Cura Italia, che riguarda la responsabilità delle strutture e professionisti sanitari, la cui discussione è in programma la settimana prossima in Senato. A chiederlo è il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, che sottolinea come il testo, sia per gli aspetti di natura civilistica che penale, sembri accogliere molte delle sollecitazioni da più parte espresse dal mondo sanitario.

“Tuttavia – sottolinea  – appare difficile per noi esprimere un parere in assenza di un testo su cui poter ragionare”.

“Invece – prosegue il vertice della FNOMCeO – dalla lettura dei vari emendamenti proposti sulla responsabilità degli amministratori nel periodo della gestione emergenziale, al netto dei possibili profili di incostituzionalità, sembra che si voglia introdurre un generalizzato colpo di spugna su tutte le condotte tenute sinora. Se tuttavia è comprensibile pensare ad una maggiore tutela del sistema nella fase di riorganizzazione del servizio, a seguito dell’esplosione dell’emergenza, non altrettanto si può concepire per le condotte omissive o dolose che abbiano esposto il personale, sino a provocare lesioni o morte evitabili”.

Tali proposte – precisa Anelli  – non possono trovare nessun sostegno e meno che meno condivisione. Lo dobbiamo ai nostri caduti, ai cittadini che hanno perso la loro vita e a tutti coloro che, con generosità, si sono spesi per assistere e curare i pazienti in questa drammatica circostanza. Confermiamo in ogni caso la nostra disponibilità a rendere un nostro formale parere, pur in via telematica, nel corso dell’iter parlamentare di conversione del Decreto-Legge Cura Italia”.

Leggi anche:

RESPONSABILITÀ SANITARIA, PRESENTATO EMENDAMENTO AL DL CURA ITALIA

RESPONSABILITÀ SANITARIA DURANTE L’EMERGENZA, GELLI: SERVE NUOVA LEGGE

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui