Per il Tribunale, il metodo di cura dell’Alzheimer adottato dal professionista non era efficace dal punto di vista scientifico; i pazienti venivano sottoposti a umiliazioni e percosse quando non riuscivano negli esercizi di memoria o fisici

Otto anni e sei mesi di carcere, interdizione per 5 anni dai pubblici uffici e 3 anni e 6 mesi dalla professione medica. E’ la condanna inflitta a un neurologo della provincia di Sassari, principale imputato nel processo ribattezzato “caso Alzheimer”, che vedeva alla sbarra altre 20 persone accusate a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla truffa, abuso d’ufficio, maltrattamenti, lesioni, sequestro di persona e omicidio colposo.

Il processo Aion, che prende il nome della clinica messa in piedi dal professionista per la cura dell’Alzheimer e di altre forme di demenza, era iniziato 8 anni fa.

Il Tribunale ha accolto la tesi della Procura, secondo cui la psiconeuroanalisi, ovvero la terapia ideata dallo stesso specialista  – che stando alle accuse confermate dalla sentenza infliggeva umiliazioni e percosse ai malati, i quali venivano legati, strattonati e puniti quando non riuscivano negli esercizi di memoria o fisici – non solo non era efficace dal punto di vista medico, ma maltrattava i pazienti.

Condannati anche altri medici che collaboravano con il neurologo. Per tutti le pene applicate, alla fine, sono risultate superiori a quelle richieste dalla pubblica accusa. Assolti, invece, oltre ai vertici Asl dell’epoca, anche i familiari dei malati di Alzheimer vittime della cura praticata. Rinviata, infine, in sede civile la quantificazione del danno che dovrà essere risarcito alle vittime.

Hai vissuto una situazione simile? Scrivi per una consulenza gratuita a malasanita@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

Malore improvviso: muore 21enne, due giorni prima era stata in ospedale

Morta dopo una caduta dalla sedia a rotelle in RSA, aperta inchiesta

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui