Scotti: Ruolo e responsabilità combinate all’autonomia organizzativa impongono procedure per tutela pazienti, personale di studio e medici negli ambulatori

Un vademecum a disposizione dei medici di famiglia per garantire la sicurezza nei loro studi durante la Fase 2. E’ il contenuto del documento “Protocollo per gli Ambulatori Medici per la gestione post-emergenza Covid-19” messo a punto dalla FIMMG per i medici di medicina generale italiani.

All’interno una serie di misure organizzative strumentali ad assicurare la massima sicurezza gestionale degli studi di medicina generale; indicazioni generali che i medici potranno poi adattare alla situazione reale e concreta dei singoli studi.

“Prosegue con questo documento l’attività di indicazione ai colleghi sulle procedure per la tutela loro e dei pazienti – sottolinea il segretario nazionale della FIMMG Silvestro Scotti -che sin dall’inizio della pandemia, con la proposta di scheda di valutazione per il triage telefonico e da ultimo nelle scorse settimane con il documento sulla gestione territoriale da parte dei mmg dei casi sospetti o accertati di Covid 19 inviato anche all’attenzione del Ministro, la FIMMG ha elaborato e messo a disposizione”.

“La medicina generale, ritiene suo ruolo e responsabilità, forte proprio della sua autonomia organizzativa, che in assenza di informazioni specifiche e orientamenti, quello di proporre procedure sul proprio e specifico modello assistenziale. Basterebbe ricordare come, sin dal primo momento dell’emergenza ha assunto su di sé il ruolo e la responsabilità di elaborazione e messa a punto di strumenti per i medici, protocolli organizzativi e procedure utili anzi necessarie per la gestione dell’emergenza sul territorio”.

Scotti ha ribadito che “la medicina generale è parte attiva e propositiva del SSN, è già parte del sistema”.

“Non si diventa parte del sistema attraverso la contrattualità – ha sottolineato riferendosi alla proposta di chi li vuole “portare all’interno del sistema” – ma attraverso la responsabilità professionale, il ruolo e i compiti che dalla convenzione derivano, non serve altro che saper usare lo strumento convenzionale a livello nazionale, regionale e aziendale, come si sta rendendo evidente su molte iniziative di eccellenza anche su emergenza Covid-19 partite proprio dalla medicina generale e presenti proprio nei territori più colpiti”. 

Nel documento di sei pagine sono contenuti protocolli per il personale di segreteria, per la gestione dei pazienti, dei casi sospetti e di situazioni di emergenza, ma anche procedure di sanificazione e disinfezione. Spazio infine ai dispositivi di Protezione Individuale e Dispositivi Medici.

Leggi anche:

CONTINUITÀ ASSISTENZIALE, INDAGINE FIMMG SU CONDIZIONI DI LAVORO MEDICI

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui