Avviate le indagini in provincia di Salerno sul decesso di un uomo caduto da una barella in Pronto soccorso e morto per le conseguenze di una ferita alla testa

Sarebbe caduto da una barella dove era stato sistemato, rimanendovi per tre giorni, a causa della mancanza di posti letto in ospedale. L’uomo si sarebbe procurato una ferita alla testa e le successive complicazioni ne avrebbero provocato il decesso. Sulla morte del 76enne la Procura di Nocera Inferiore ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo, disponendo lo svolgimento dell’esame autoptico sulla salma della vittima.

Le indagini hanno preso il via dalla denuncia presentata dai familiari, che chiedono chiarezza su quanto accaduto. Il pubblico ministero titolare del fascicolo, in vista degli accertamenti peritali ha iscritto nel registro degli indagati i nomi di 9 operatori sanitari, tutti in servizio all’ospedale di Mercato San Severino, in provincia di Salerno.

La vicenda, come ricostruisce il Mattino, risale a fine dicembre, quando l’uomo era stato soccorso dal 118 per un’insufficienza renale.

Il paziente sarebbe stato portato in Pronto soccorso, ma l’ospedale avrebbe comunicato l’indisponibilità di posti per il ricovero.

Dopo alcuni giorni i familiari sarebbero stati avvertiti che era caduto, battendo il capo a terra e riportando un trauma cranico, con tanto di ematoma.

Il 76enne sarebbe stato stato trasferito in rianimazione, ma giudicato non operabile, a causa dell’ematoma che avrebbe dovuto assorbirsi. Il giorno successivo sarebbe stato trasferito all’ospedale Ruggi di Salerno, a causa di un aggravamento del suo quadro clinico, tale da rendere necessario un intervento. L’anziano, tuttavia, sarebbe deceduto poco prima di finire in sala operatoria.

Ora i congiunti chiedono di accertare la sussistenza di eventuali responsabilità sanitarie. Il loro dubbio – riferisce il Mattino – è che l’uomo sia stato lasciato “senza alcuna protezione o sbarre di contenimento”. Si attendono ora gli esiti dell’attività degli inquirenti.

Hai vissuto una situazione simile? Scrivi per una consulenza gratuita a malasanita@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

Morto dopo due ricoveri a Frosinone, due medici a giudizio

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui