Errori medici e complicanze, ossia oneri probatori, nessi di causa, preesistenze e chance

0
Errori medici e complicanze: oneri probatori, nessi, preesistenze e chance

Errori medici e complicanze, ossia un mix di oneri probatori, causalità, preesistenze, perdita di chance e consenso informato. Quali competenze in capo ai consulenti tecnici di ufficio?

Non ci sono dubbi sul fatto che le c.d. complicanze (eventi avversi) siano il vulnus della maggior parte delle consulenze tecniche di ufficio. E non c’è dubbio che la distinzione tra errori medici e complicanze sia un argomento sempre attuale.

Il convegno della SMLT (società medicolegale triveneta) del 14 aprile u.s. mi ha dato molti spunti per ampliare la discussione della tavola rotonda del prossimo 10 Maggio 2023 delle ore 15 il cui contenuto prevedeva il confronto da discenti e relatori sull’argomento delle complicanze.

In verità gli argomenti del suddetto convegno, che riguardavano soprattutto la perdita di chance e il suo risarcimento, mi hanno lasciato dei dubbi che sento di dover riprendere nella prossima tavola rotonda che sarà aperta a 500 partecipanti che si potranno iscrivere gratuitamente al seguente link: https://responsabilecivile.it/il-lavoro-del-ctu/.

Ho percepito un pò di confusione che si esternava nelle domande dei discenti ai relatori ed ho preferito ascoltare per poi far tesoro dei contenuti del convegno per approfondirli nella prossima tavola rotonda.

Errori medici e complicanze: è come immaginare un link tra nessi di causa, oneri probatori delle parti, perdita di chance e il principio del “più probabile che non”.

Soprattutto sul “più probabile che non” ho ascoltato una tesi a dir poco singolare dove si prospettava che la causa più probabile che fa prova del nesso di causa non fosse, tra le molteplici possibili, quella più probabile in termini % ma quella relativa alla somma delle cause alternative meno probabili.

A quanto pare tutto si può pensare sotto questo cielo giuridico e medico legale.

Evidentemente non è così e questo lo dimostreremo nella prossima tavola rotonda. Ma soprattutto una probabilità del 20% non è classificabile come “insussistente” come vorrebbero gli assicuratori che pagano i risarcimenti.

In 4 ore analizzeremo anche dei casi clinici dove si riassumono tutte le criticità suddette grazie agli interventi di illustri medici legali e specialisti chirurghi (Prof. Avato, Dr. Enrico Pedoja, Dr. Carmelo Galipò, Dr. Francesco Nicolì…) e giuristi (tra cui l’avv. Carraro Francesco di Padova).

Memorizzate la data del 10 maggio e rendetevi il pomeriggio libero poichè la tavola rotonda sarà davvero formativa e pratica. E soprattutto iscrivetevi gratuitamente al seguente link https://responsabilecivile.it/il-lavoro-del-ctu/.

N.B.: dopo aver effettuato l’iscrizione il versamento non andrà fatto in quanto la partecipazione è gratuita. Sarete iscritti automaticamente.

Dr. Carmelo Galipò

(Pres. Accademia della Medicina Legale)

Leggi anche:

Rifiuta il ricovero: qual’è e come si dimostra la veridicità dei fatti

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui