La decisione della Corte d’Appello di Napoli segna una nuova rotta per l’orientamento giuridico: buone chance di ottenere un risarcimento per i medici che vogliano fare ricorso per il trattamento penalizzante subito

Buone notizie per gli ex specializzandi che hanno frequentato i corsi dal 1999 al 2007: la Corte di Appello di Napoli, infatti, ha riconosciuto loro il diritto al trattamento retributivo e previdenziale previsto dal d.lgs. 368/1999. Attualmente, invece, a loro spettava il trattamento penalizzante che è previsto dal d.lgs. 257/1991, e che è stato applicato illegittimamente fino all’anno 2007.

La giurisprudenza, con questa sentenza, come si legge su DottNet, finalmente introduce un nuovo orientamento del giudice ordinario: alla luce di questa decisione, infatti, i medici che hanno frequentato il corso di specializzazione tra l’anno 1999 e l’anno 2007 hanno buone speranza di riuscire a far valere il diritto alla adeguata remunerazione del periodo di formazione.

Nello specifico, la Corte di Appello ha accolto una domanda di risarcimento danni che era stata avanzata nei confronti dello Stato italiano, dando così ragione a un medico che aveva frequentato la scuola di specializzazione negli anni dal 1998/1999 al 2002/2003. La sentenza ha stabilito che la Presidenza del Consiglio dei Ministri è responsabile per il tardivo adeguamento dell’ordinamento interno all’ordinamento comunitario. L’entrata in vigore del con il d.lgs. 17.8.1999, n. 368 – che recepiva la direttiva comunitaria 93/16/Ce – è stata differita dall’ordinamento giuridico italiano e per questo si è determinato un ingiusto trattamento dei medici che hanno seguito i corsi di specializzazione nel periodo che va dall’entrata in vigore del d.lgs. 368/1999 al 2007. Questo danno dovrà essere risarcito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri che, ora, dovrà pagare la differenza tra il trattamento economico percepito e quello dovuto.

Il termine di prescrizione è stato stabilito su scala decennale a partire dalla pubblicazione del d.P.C.M. del 2007: c’è quindi tempo ancora fino al 2017 per chiedere un risarcimento.

 

Hai avuto un problema analogo e ti serve una consulenza gratuita? scrivi a redazione@responsabilecivile.it o telefona al numero 3927945623

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui