Gli accertamenti peritali disposti dalla Procura avrebbero accertato la causalità tra il decesso e la somministrazione, da parte dei camici bianchi, di un antibiotico che avrebbe causata la reazione allergica fatale

Due medici dell’ospedale di Dolo, in provincia di Venezia, sono indagati per omicidio colposo in relazione al decesso di un imprenditore ottantenne morto nel gennaio del 2020 per una reazione allergica fatale.

L’uomo, come riporta il Gazzettino, era in trattamento presso la struttura sanitaria afferente all’Azienda unità locale socio sanitaria 3 Veneta, dove si era recato nel novembre del 2019 per degli accertamenti in seguito ad alcuni malesseri.

Dopo la sua scomparsa i familiari si erano rivolti alla magistratura chiedendo che venisse fata chiarezza sull’accaduto. L’esposto presentato in Procura aveva portato all’apertura di un fascicolo sul caso e alla disposizione dell’esame autoptico sulla salma della vittima, svolto alla presenza dei consulenti delle parti.

Gli accertamenti peritali avrebbero appurato la sussistenza di un nesso di causalità tra la tragica scomparsa dell’anziano e la condotta dei camici bianchi finiti sotto inchiesta, ovvero la somministrazione di un antibiotico, il Targosid, cui l’uomo era allergico.

In particolare uno dei dottori avrebbe omesso di segnalare l’allergia del paziente al medicinale, mentre all’altro viene addebitata la prescrizione del farmaco. I professionisti – secondo l’ipotesi accusatoria – avrebbero agito, quindi, con imperizia, causando la morte dell’imprenditore.

Sulla base delle conclusioni del consulente della Procura, il legale della famiglia, ha annunciato l’avvio di un’azione anche in sede civile per ottenere dall’Azienda sanitaria il risarcimento del danno in favore dei congiunti della vittima.

Se sei stato/a vittima di un errore medico e vuoi ottenere, in breve tempo, il risarcimento dei danni fisici subiti o dei danni da morte di un familiare, clicca qui

Leggi anche:

Arresto cardiaco prima di essere operata, si indaga per omicidio colposo

Morto il giorno dopo una visita in Pronto soccorso, aperta inchiesta

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui