La richiesta di risarcimento al FGVS (Fondo Garanzia Vittime della Strada) può essere fatta dal danneggiato che alleghi le prove della condotta dolosa di chi ha causato il sinistro

Il Tribunale di Napoli è recentemente tornato sul tema della richiesta di risarcimento al FGVS da parte del danneggiato in un sinistro causato da un veicolo non identificato con la sentenza n. 3562/2020.

Nel caso di specie il ricorrente mentre era alla guida della sua autovettura su una strada statale, notava nella carreggiata di senso contrario una autovettura che faceva una pericolosa manovra di inversione di marcia, sconfinando nella carreggiata di percorrenza dell’attore il quale tentava con ogni mezzo di evitare lo scontro, che tuttavia avveniva, procurando al ricorrente la perdita di conoscenza.

Afferma il Tribunale di Napoli che essendo ammessa dal codice delle assicurazioni la domanda risarcitoria anche nel caso in cui il veicolo che abbia causato l’incidente resti ignoto, deve essere il danneggiato a provare che il sinistro si sia verificato a causa della condotta dolosa del conducente dell’altro veicolo.

A tale fine è sufficiente che venga data prova che successivamente alla denuncia alle autorità competenti, le indagini compiute per la ricerca del veicolo abbiano dato esito negativo.

Scrive il Trbunale di Napoli: “L’imposizione a carico del danneggiato di un onere di diligenza nell’identificazione del veicolo al quale deve ascriversi il sinistro, ovvero del suo conducente, è conforme alla ratio della disposizione normativa sopra richiamata, in relazione non solo al principio generale dell’onere della prova di cui all’articolo 2697 cod.civ ma altresì alla finalità perseguita dal legislatore di impedire eventuali frodi che derivati da altri fatti meramente accidentali, sia di danni cagionati da veicoli noti e dichiarati non identificati al fine di evitare conseguenze penali al conducente , ovvero al conseguenza rappresentata dall’inasprimento dei premi assicurativi”.

Avv. Claudia Poscia

Hai vissuto una situazione simile? Scrivi per una consulenza gratuita a redazione@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada: responsabilità e limiti

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui