Proposto un emendamento alla legge di bilancio che prevede il completo adeguamento dei salari dei medici italiani al tasso di inflazione rilevato dal 2009 al 2019

“I medici di medicina generale in Italia sono circa 50 mila ed i loro stipendi da oltre 10 anni non sono adeguatamente rivalutati sulla base dell’inflazione registrata annualmente dall’ISTAT. I medici di altri paesi membri dell’Unione Europea, in particolare i sanitari francesi e tedeschi godono di trattamenti salariali ben superiori al 30-40% dei salari dei medici italiani. Da diversi anni assistiamo ad un forte fenomeno di emigrazione di sanitari verso i paesi dell’Europa”. Così il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, Pina Onotri, che annuncia di aver sottoposto a tutti i membri della Commissione Bilancio del Senato, per conto della propria organizzazione, un emendamento al prossimo documento di bilancio dello Stato “che ripristina un diritto mal tolto, facendo recuperare l’inflazione agli stipendi di medici di medicina generale del nostro Paese da dieci anni a questa parte”.

Il testo dell’emendamento – spiega la rappresentante sindacale – prevede che al fine di assicurare, per i medici di medicina generale, il completo adeguamento dei compensi al tasso di inflazione rilevato dal 2009 al 2019, il fondo destinato ai rinnovi contrattuali della medicina convenzionata venga integrato con una dotazione di ulteriori 200 milioni di euro a decorrere dall’anno 2020 da destinare, nell’ambito delle intese Stato e Regioni, alla contrattazione collettiva nazionale per il triennio 2019-2021.

“L’ adeguamento – aggiunge – sarà rivalutato annualmente sulla base del tasso di inflazione programmato rilevabile dai documenti del Governo”.

Per lo SMI, la misura proposta “può contribuire, sicuramente, ad avvicinare i salari dei medici italiani a quelli dei professionisti europei”. In tal modo si conta di porre un freno al fenomeno migratorio verso gli altri paesi del vecchio continente, rendendo più attraente la professione medica, soprattutto per i giovani medici che saranno incentivati a restare in Italia,  e impendendo l’implosione del SSN.

“Siamo sicuri – conclude Onotri – che le forze politiche presenti in Parlamento saranno sensibili a questo appello dei medici italiani, che lavorano, ormai da tempo, in condizioni di estrema difficoltà per assicurare la cura e l’assistenza a tutti cittadini italiani”.

Leggi anche:

PARI OPPORTUNITÀ E AGGRESSIONI AI MEDICI, SMI INCONTRA SPERANZA

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui