Sulle donne fattori di rischio quali ipertensione, fumo e diabete hanno un impatto maggiore che negli uomini nello sviluppo di patologie cardiovascolari.

Uno studio internazionale delle Università di Oxford (UK), Utrecht (Olanda), Johns Hopkins University (Baltimora, Usa) e del George Institute for Global Health, University of New South Wales (Australia), ha messo in luce come i fattori di rischio nello sviluppo delle patologie cardiovascolari colpiscano maggiormente le donne.

Si tratta di uno studio su big data, quelli della Uk Biobank, che ha valutato il diverso impatto sul rischio di infarto dei fattori di rischio cardiovascolari in una popolazione di 471.998 persone (56% donne, età media 56,2 anni), senza storia di malattie cardiovascolari all’inizio dello studio.

Ebbene, nel corso di 7 anni di follow up, 5.081 tra i soggetti arruolati (1.463 dei quali donne, cioè il 28,8%) hanno avuto un infarto.

Ciò che è stato riscontrato è che l’incidenza di questo evento è risultata di 7,76 per 10 mila anni persona per le donne e di 24,35 per 10 mila anni persona tra i maschi.

Gli indici di pressione arteriosa maggiori, l’intensità del fumo, l’indice di massa corporea e la presenza di diabete, sono tutti fattori di rischio associati a un maggiore rischio di infarto sia negli uomini che nelle donne.

Tuttavia, in queste ultime, l’ipertensione, il fumo e il diabete incidevano in maniera preponderante nello sviluppo di infarto.

In particolare l’effetto dell’ipertensione sistolica sul rischio di infarto è risultato del 9% peggiore per le donne che per gli uomini, l’impatto del fumo è risultato del 55% più rischioso per le donne, quello del diabete di tipo 2 del 47% più rischioso.

Infine, da notare che quello del diabete di tipo 1 addirittura del 290% più impattante sul rischio di infarto rispetto ai maschi.

Secondo gli autori dello studio, pertanto, sebbene l’incidenza dell’infarto sia più elevata tra i maschi, diversi fattori di rischio sono più strettamente associati al rischio di infarto nelle donne, rispetto agli uomini.

 

Leggi anche:

RIABILITAZIONE CARDIACA DOPO L’INFARTO: ECCO PERCHÉ È FONDAMENTALE

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui