Per il Sindacato medici italiani è “vergognoso” che alcune Regioni utilizzino per altri capitoli di spesa le risorse destinate alle borse di studio per la medicina generale 

 “La decisione delle regioni Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Abruzzo di mettere al bando un numero dì borse di studio per la medicina generale inferiori a quelle finanziabili, chiedendo di utilizzare il corrispettivo economico delle borse non messe a bando per le spese di altra natura, non ci vede d’accordo ed appare una scelta incomprensibile”. E’ quanto dichiara in una nota il segretario generale del Sindacato Medici Italiani, Pina Onotri.

La rappresentante sindacale ricorda come una recente intesa tra Stato Regioni e provincie autonome abbia destinato oltre 48 milioni di euro per i corsi di formazione in medicina generale, attraverso il rimborso alle regioni delle spese sostenute per le borse di studio, nonché per l’organizzazione degli stessi corsi.

“In un momento in cui nel Paese c’è allarme rosso per la sanità, con tagli di servizi per la mancanza di personale formato, con il persistere del cosiddetto imbuto formativo che impedisce l’accesso ai giovani alla professione, è vergognoso – sottolinea Onotri – utilizzare le risorse destinate alle borse di studio per altri capitoli di spesa”. 

Il Sindacati Medici Italiani si chiede, dunque, se dietro questo atteggiamento si celi, forse, l’intenzione di esternalizzare i servizi medici ed affidarli a soggetti terzi che possono reclutare medici in assenza di requisiti.

“La scelta di non accedere ai finanziamenti per le borse di studio – prosegue il segretario dello SMI – può nascondere la volontà di servirsi, nelle attività mediche, di precari che non hanno completato il loro percorso formativo, esponendoli, tra l’altro, a sanzioni in base alla nuova legge sulla responsabilità professionale”. 

Per l’organizzazione sindacale, da un lato i cambiamenti epocali nel lavoro del medico di famiglia – dovuti anche all’aumento del carico assistenziale, perché gli anziani hanno un’aspettava di vita più lunga – e dall’altro gli atteggiamenti della parte pubblica che propone lavoro extra non retribuito, non valorizzano il lavoro dei medici di medicina generale. 

“Tutto ciò – conclude Onotri – rende poco appetibile per i giovani medici questo lavoro inducendoli ad emigrare all’estero. Non bandire le borse di studio di MMG, è per queste ragioni una scelta grave”.

Leggi anche:

ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE CAMPANO DEI MMG, SMI: SIAMO ALLA FARSA

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui