Sono numerosi e notevoli i disagi e i danni subiti da centinaia di passeggeri che hanno visto voli annullati in seguito all’incendio del Terminal 3 di Fiumicino. Bisogna distinguere due discorsi: il rimborso e l’eventuale risarcimento danni.

Per quanto riguarda il rimborso, è dovuto dalla compagnia aerea e il regolamento comunitario numero 261 del 2004 all’articolo 5 ne fissa  la modalità: esso infatti è dovuto entro 7 giorni dalla richiesta.

Discorso a parte merita l’eventuale risarcimento. Questa volta bisognerà rivolgersi alla società che gestisce l’aeroporto quindi nella fattispecie Adr (che poi a sua volta potrà rivalersi e/o condividere la responsabilità con chi affittava o gestiva le aree oggetto dell’incendio).

In questo caso non sembra particolarmente utile un’azione di massa, se non per dividere i costi. Infatti ogni passeggero avrà una storia differente e quindi un danno peculiare di cui chiedere compensazione.

Il singolo cittadino potrà rivolgersi ad Adr con una diffida anche non necessariamente formale, quindi senza l’ausilio di un legale, e chiedere il risarcimento dei danni. Nel caso in cui Adr non dovesse dare esito alla richiesta, ci si dovrà rivolgere a un legale.

In ragione dell’entità dei risarcimenti (quasi certamente inferiori a 50.000 Euro) la materia rientra nei casi di applicazione della “negoziazione assistita” prevista dal D.L. 132/2014, entrato in vigore lo scorso febbraio. E in questo caso si può anche pensare di agire collettivamente: un legale che rappresenti un gruppo nutrito di danneggiati potrebbe gestire la negoziazione con Adr e ottenere un risarcimento forfettario per tutti i viaggiatori. Questo strumento di risoluzione della controversia presenta il vantaggio di presentarsi nei confronti del responsabile con un fronte compatto con maggiore forza negoziale, e di ottenere chiarezza sull’atteggiamento del responsabile in tempi molto brevi. Qualora la negoziazione assistita non avesse esito favorevole, si potrebbe sempre agire giudizialmente.

Avv. Domenico Dodaro

Sei anche tu vittima di un incidente sul lavoro? Chiama Responsabile Civile per una consulenza gratuita con i nostri esperti al numero 06/69320026

 

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui