La donna era deceduta per le lesioni riportate dopo essere stata investita da un furgone mentre attraversava la strada ad alcune decine di metri dalle strisce pedonali

Nessuna imprudenza o negligenza era imputabile al comportamento del guidatore. Con questa motivazione il Giudice per l’udienza preliminare presso il Tribunale di Padova, al termine del giudizio abbreviato, ha assolto dall’accusa di omicidio stradale un 58enne residente in provincia, accusato del decesso di una donna investita da un furgone nel novembre del 2018.

In base a quanto riportato dal Mattino di Padova, la vittima, 46 anni, dopo essere stata in un negozio di telefonia, non lontano dalla sua abitazione, stava completando l’attraversamento della strada ad alcune decine di metri dalle strisce pedonali quando è sopraggiunto il mezzo guidato dall’imputato che l’ha colpita, scaraventandola sull’asfalto.

La signora, subito trasferita in ospedale a Padova, era morta a distanza di poche ore per le lesioni provocate dal violento impatto.

La tragedia aveva portato all’apertura di un’inchiesta da parte della Procura del capoluogo veneto, con l’iscrizione nel registro degli indagati del conducente del veicolo investitore, per il quale è stato chiesto il rinvio a giudizio.

Dalle indagini, tuttavia, sarebbe emerso che quel giorno pioveva e la visibilità era bassa e che l’uomo procedeva a una velocità di 30 chilometri all’ora mentre il limite era di 50. L’automobilista, peraltro, è risultato negativo sia al test alcolico che tossicologico. A fronte di tali risultanze favorevoli l’avvocato difensore ha chiesto e ottenuto il rito abbreviato, a conclusione del quale anche il Pubblico ministero titolare del fascicolo ha sollecito l’assoluzione.

Nel procedimento non si erano costituiti parte civile i familiari della donna deceduta, che nel frattempo – riferisce ancora il Mattino di Padova – sono stati risarciti dalla compagnia di assicurazione.

Se sei stato/a vittima di un sinistro stradale e vuoi ottenere, in breve tempo, il risarcimento dei danni fisici subiti o dei danni da morte di un familiare, clicca qui

Leggi anche:

Trauma cranio-facciale da sinistro stradale e personalizzazione del danno

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui