Il Ministro, in occasione della prima Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, ha ribadito la necessità di agire a tutti i livelli per garantire il diritto alla salute dei cittadini

“La sicurezza delle cure è parte costituiva del diritto alla salute e una priorità per le politiche sanitarie nazionali e globali, da affrontare insieme: tra istituzioni a tutti i livelli, con i professionisti e i pazienti”. Così il Ministro della Salute Roberto Speranza in un messaggio durante il workshop organizzato ierial Ministero della Salute, in occasione della prima Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita. La Giornata nazionale coincide con la prima Giornata mondiale della sicurezza dei pazienti (World Patient Safety Day), promossa a livello internazionale dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

“La sfida sempre aperta – ha sottolineato Speranza – è quella di garantire cure sicure in modo omogeneo su tutto il territorio nazionale. Si tratta di un tema inscindibile dal finanziamento del Servizio sanitario nazionale, dalla formazione del personale sanitario, dal coinvolgimento dei cittadini”.

All’incontro svoltosi presso il dicastero della Salute ha partecipato, tra gli altri, il Prof. Silvio Brusaferro, Presidente dell’Istituto superiore di sanità. Nella sua sintesi sullo stato dell’arte e le prospettive future ha sottolineato come gli italiani siano più pessimisti rispetto a ciò che è la realtà: “non bisogna infatti sottovalutare il fatto che nel nostro Paese viene erogata assistenza sicura in oltre il 90% dei casi”. Inoltre, ha evidenziato Brusaferro, “gli eventi avversi non sono completamente evitabili ma in una buona percentuale, circa la metà dei casi, possono essere prevenuti”. Infine il vertice dell’ISS ha ribadito come  l’Italia abbia” un impianto normativo avanzato e coerente con gli standard internazionali, oltre a esperienze nazionali, regionali e buone pratiche molto valide. “La sfida – ha concluso –  è quella di concretizzarle in modo omogeneo in tutto il Paese”.

Leggi anche:

CURE NON SICURE, OMS: OGNI MINUTO 5 MORTI NEL MONDO

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui