La Procura ne ha chiesto il rinvio a giudizio per il decesso di un uomo di 42 anni morto dopo essere stato travolto in autostrada da un trattore in seguito alla caduta da un autocarro

La Procura di Cosenza ha chiesto il rinvio a giudizio dei conducenti di un autocarro e di un trattore indagati per omicidio stradale in relazione al decesso di un 42enne originario della provincia di Latina, travolto in autostrada dopo essere caduto dal mezzo su cui stava viaggiando.

Come ricostruisce Latina Oggi la vittima, circa dodici mesi fa, stava effettuando un trasporto per conto di una ditta. L’uomo viaggiava a bordo di un autocarro ma non era seduto nell’abitacolo del guidatore, bensì nel cassone destinato al trasporto merci.
Nel tragitto sull’autostrada del Mediterraneo, tra gli svincoli di Rogliano e Cosenza, il portellone posteriore dell’autocarro si sarebbe improvvisamente aperto e il terzo trasportato sarebbe rotolato sull’asfalto per poi essere investito mortalmente da un trattore.

Le verifiche effettuate dalla Polizia stradale e i successivi riscontri, avrebbero accertato, secondo la pubblica accusa, che la vittima non viaggiava in condizioni di sicurezza, circostanza per la quale è finito nei guai il conducente del mezzo.

Il guidatore del trattore, invece – come sostenuto dal pubblico ministero nella richiesta di rinvio a giudizio – avrebbe viaggiato a una velocità di circa novanta km/h, ovvero ben oltre il limite di velocità imposto dalla segnaletica stradale, che era di quaranta km/h. Ai due indagati, quindi, vengono contestate “condotte colpose indipendenti in violazione del codice della strada”.

La parola spetta ora al Giudice per l’udienza preliminare, che dovrà decidere se accogliere o meno le richieste della Procura della Repubblica.

La redazione giuridica

Hai vissuto una situazione simile? Scrivi per una consulenza gratuita a incidentistradali@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

Omicidio stradale e sanzione accessoria della revoca della patente di guida

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui